Dove siamo

Via E. Barsanti 24, Prato (PO)

Numero Telefonico

0574 548911

Orari di apertura

Lun - Ven: 8/19, Sab: 8/12

Gastroenterologia e Esami Endoscopici

La gastroenterologia è una branca medica che si occupa specificatamente dello studio, della diagnosi e della cura delle malattie a carico dell’apparato digerente e che coinvolgono gli organi contenuti nell’addome: stomaco, intestino, fegato e pancreas, esofago, colon retto, intestino tenue, intestino crasso, colecisti (cistifellea).

Inoltre, IMT si occupa di Gastroscopia e Colonscopia private.

La Gastroscopia

La gastroscopia (o esofagogastroduodenoscopia, o EGDS) è un esame invasivo: attraverso la bocca, oppure attraverso il naso, si introduce un sondino flessibile in cima al quale è posta una telecamera per osservare le superfici interne dell’esofago, dello stomaco e del duodeno, la porzione iniziale dell’intestino.

La gastroscopia è una procedura che consente al medico endoscopista di esaminare direttamente l’interno dell’esofago, stomaco e duodeno, mettendo in evidenza eventuali alterazioni. Per far questo utilizza una sonda particolare lunga e flessibile, il gastroscopio, che ha un diametro di circa 1 cm e possiede una telecamera e una luce sulla punta.

La gastroscopia non procura dolore ma solo un modesto fastidio durante l’introduzione e il passaggio dello strumento attraverso la gola. Questo disagio sarà attenuato dalla somministrazione di un liquido spray, la lidocaina, per l’anestesia del cavo orale e faringeo.

Prima di effettuare l’anestesia viene chiesto se la persona che si sottopone all’esame soffre di eventuali allergie ad anestetici locali o a farmaci. La persona viene fatta distendere sul fianco sinistro sul lettino e verrà posizionato un boccaglio tra i denti per evitare di mordere lo strumento durante l’esame.

L’endoscopio sarà poi fatto passare attraverso la gola e poi lentamente attraverso esofago e stomaco fino al duodeno. La durata della gastroscopia è solitamente breve, dell’ordine di pochissimi minuti, tuttavia durante l’esame è indispensabile mantenere un atteggiamento rilassato, respirando lentamente e profondamente per controllare l’eventuale sensazione di vomito e per consentire al medico di portare a termine più velocemente la procedura.

La Colonscopia

La colonscopia è un esame diagnostico tramite il quale il medico può esaminare le pareti interne del colon retto (lungo circa un metro e mezzo) per identificare eventuali malattie intestinali come:

  • Tumori;
  • Lesioni;
  • Polipi (piccole escrescenze di natura benigna che però potrebbero trasformarsi in tumori maligni);
  • Coliti
    Diverticoli;
  • Morbo di Crohn.

Tramite la colonscopia si possono anche rimuovere alcune lesioni (si parla in questo caso di colonscopia “operativa”). Si tratta – come è noto – di un esame invasivo, che però non richiede ospedalizzazione e viene eseguito solitamente ambulatorialmente.

  • Il medico introduce nell’intestino attraverso l’ano, un tubo flessibile (chiamato colonscopio) sottile e di lunghezza variabile che ha alla sua estremità una telecamera e che permette, qualora fosse necessario, di introdurre pinze da biopsie o aghi  per rimuovere tessuti, politi, o aspirare gas o liquidi.
Precedente
Successivo
La Chirurgia di qualità, alla tua portata
Vai alla Sezione
La Chirurgia di qualità, alla tua portata
Vai alla sezione
Precedente
Successivo
Il dentista senza dolore. L'odontoiatria di IMT.
Vai alla Sezione
Il dentista senza dolore. L'odontoiatria di IMT.
Vai alla sezione
Precedente
Successivo
Radiologia e Fisioterapia. Scopri IMT Group.
Vai alla Sezione
Radiologia e Fisioterapia. Scopri IMT Group.
Vai alla sezione
Precedente
Successivo
Call Now Button